Ayurveda: che cos’è e come si pratica

Ayurveda: breve storia della medicina tradizionale indiana

I principi della medicina tradizionale indiana sono raccolti tutti in un’unica parola: Ayurveda che in sanscrito significa “scienza della conoscenza della vita”. Nata migliaia di anni fa in India, e praticata ancora oggi in tutto il mondo, si occupa del ripristino e del mantenimento dell’equilibrio psico-fisico.

Ayurveda è una parola formata da ayur, durata della vita o longevità, e veda, conoscenza rivelata. Le sue origini si perdono nella notte dei tempi e sono legate a doppio filo alla storia della mitologia indiana.

Secondo la leggenda, infatti, i principi su cui si basa la medicina tradizionale indiana sono opera di Brahmā, chiamato anche Vedanatha (Dio dei Veda), Gyaneshwar (Dio della sapienza) e Chaturmukha (colui che ha quattro volti), creatore dell’universo materiale.

La divinità, in base ai racconti del mito induista, donò la “scienza della vita” a suo figlio Prajapati, dio delle creature e protettore della vita. In  seguito, la preziosa eredità passò agli antichi Ashwin Dakhsha e successivamente al dio Indra che li offrì ai suoi quattro discepoli Bharadvaja, Atreya, Kasyapa e Dhanvantari perché potessero aiutare l’umanità.

Se lasciamo da parte la mitologia e ci concentriamo sulla storia, scopriamo che i principi alla base dell’Ayurveda conobbero un’ampia diffusione orale prima di essere tramandati in forma scritta a partire dal 450 a.C. Uno dei testi più antichi in cui sono contenute informazioni sulla medicina tradizionale indiana è il Carakasahitā, un trattato di risalente all’impero di Kanishka, che raccoglie 500 principi medicinali.

Ayurveda: l’obiettivo da raggiungere attraverso la conoscenza dei dosha

L’Ayurveda non è una semplice disciplina medica di stampo olistico ma un sistema medico e filosofico basato su un delicato gioco di equilibri che coinvolgono la salute fisica, psichica e spirituale dell’uomo.

Il corretto rapporto tra corpo, mente e spirito è fondamentale per avere una buona salute, prevenire e curare le malattie. L’obiettivo dei trattamenti ayurvedici è mantenere o ritrovare il benessere ricorrendo all’uso di minerali e metalli purificati e mescolati con erbe e polveri. Alcuni esempi sono il Trikatu, una miscela di zenzero, pepe e pepe lungo (Piper longum), la Haridra (Curcuma), Erand (Ricinus communis), Kumari (Aloe) e Gokshur (Tribulus terrestri).

Secondo l’antica medicina indiana tradizionale, il corpo umano è formato da tre energie vitali, chiamate dosha, il cui equilibrio o squilibrio incide sulla salute dell’individuo.

Ogni dosha ha determinate gua, virtù, ed è composto da due dei cinque elementi detti pancha-mahabhutani o panca-mahabhuta che sono:

  • akasha (etere/spazio)
  • vāyu (aria)
  • tejas (fuoco)
  • jala (acqua)
  • prithvi (terra)

I dosha sono tre: Vata (akasha+vāyu), Pitta (tejas+jala) e Kapha (jala+ prithvi).
Conoscerli significa poter tracciare il profilo delle caratteristiche psicofisiche di ogni individuo per capire come agiscono sul corpo e quali squilibri possono provocare.

Ayurveda: cosa sono i rasa e come influenzano il benessere psicofisico

Anche il cibo e le sue proprietà sono una parte molto importante dell’Ayurveda che individua sei diversi rasa, sapori, collegati ai dosha:

  1. Madhura (dolce): prithvi + jala / riduce le tossine e aumenta le secrezioni / esempio: riso e anacardi
  2. Amla (aspro): tejas + prithvi / favorisce l’appetito e stimola la digestione / esempio: limone e mirtilli
  3. Lavana (salato): jala + tejas / contribuisce alla formazione di nuove cellule e tessuti e ha proprietà espettoranti / esempio: alghe
  4. Katu (pungente): vāyu + tejas / combatte gli stati depressivi e i sintomi di raffreddamento, diminuisce il gonfiore e riduce il grasso / esempio: peperoncino e basilico
  5. Tikta (amaro): vāyu + akasha / diminuisce il gonfiore derivato da ritenzione idrica e fa bene al fegato, allevia le sensazioni di bruciore e prurito e frena nausea e vomito/ esempio: carciofi e curcuma
  6. Kashaya (astringente): vāyu + prithvi / combatte i dolori mestruali ed elimina le tossine in eccesso / esempio: tè verde e salvia

Inoltre, i sapori vengono divisi in ulteriori due gruppi: riscaldanti/rinfrescanti e secchi/untuosi. L’ideale è puntare su un regime alimentare equilibrato che includa in ogni pasto i sei rasa.

Ayurveda: i semplici gesti quotidiani per una pratica costante

Il massaggio con olio Ayurvedico è uno degli eccezionali trattamenti della medicina indiana tradizionale e rivolgersi a esperti del settore, come il Dr Bauhofer, è la scelta giusta per chi vuole ristabilire l’armonia psicofisica, ma non è l’unica.

I principi dell’Ayurveda, infatti, possono essere coltivati ogni giorno attraverso piccoli gesti quotidiani. Ecco alcune suggerimenti per ritrovare ritrovare l’equilibrio tra corpo e mente:

  • alzarsi un’ora prima dell’alba e con calma
  • bere un bicchiere di acqua tiepida o calda per stimolare le attività intestinali ed espletare le funzioni corporali
  • pulire la lingua per rimuovere le tossine notturne
  • pulire i denti, massaggiare le gengive con olio di sesamo e praticare gargarismi con olio di sesamo diluito con acqua tiepida
  • pulire le cavità nasali e le orecchie
  • fare la doccia o il bagno con acqua calda
  • fare attività fisica come Hatha yoga
  • fare colazione prima delle 8 del mattino e in base alla propria costituzione
  • pranzare presto e con calma in un ambiente rilassato e consumare un pasto che contenga tutti i sei rasa
  • dopo il pasto restare seduti per cinque minuti e poi concedersi una passeggiata di quindici minuti
  • prima della cena dedicarsi alla meditazione e alle tecniche che migliorano il respiro
  • cenare prima delle 19.30 e consumare un pasto leggero cui seguirà una breve passeggiata per stimolare la digestione
  • andare a letto presto, non oltre le 22:00, e sempre alla stessa ora
  • digiunare un giorno alla settimana e bere acqua tiepida

Vuoi scoprire i benefici dell’Ayurveda e vivere una vacanza da sogno in un vero paradiso? Prenota il tuo soggiorno al Forte Village Resort in Sardegna.

You May Also Like

quali sono le caratteristiche del pilates

Pilates: che cos’è e quali sono i benefici 

massaggio ayurvedico

Abhyangha: il massaggio Ayurvedico che aiuta a ritrovare il benessere 

Origine e storia della tisana: i benefici per corpo e mente

Massaggio shiatsu: che cos’è e quali sono i benefici

Questo sito utilizza Cookies per migliorare l'esperienza. Continuando la navigazione o scorrendo la pagina accetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi