Coastal Rowing: l’evoluzione del canottaggio tradizionale

Coastal Rowing: un nuovo modo di intendere il canottaggio

Il Coastal Rowing, in italiano canottaggio costiero, è una disciplina sportiva relativamente recente e in rapida ascesa che in poco tempo si è diffusa in tutto il mondo, conquistando anche l’esordio ai prossimi Giochi Olimpici di Parigi del 2024. 

Questa versione estrema del canottaggio, che mette al centro il rapporto tra canottiere e natura, si svolge in mare o sui grandi laghi caratterizzati da vento e moto ondoso ed è molto diversa da quella tradizionale, dove l’acqua è piatta e i percorsi sono protetti: infatti, nel canottaggio costiero si rema in acque agitate ed in condizioni spesso difficili ed è quindi indispensabile una buona conoscenza della tecnica base di voga che l’atleta deve affinare e perfezionare per essere in grado di affrontare il campo di regata.

Le specialità del Coastal Rowing sono due:

  1. La regata long distance che si sviluppa su un percorso di 6.000 mt (4.000 mt nelle eliminatorie) delimitato da boe di percorso collocate in mare aperto e con partenza/arrivo indifferentemente dall’acqua o dalla spiaggia;
  2. La regata sprint che si svolge su un percorso slalom di 250 mt di andata e ritorno con partenza e arrivo dalla spiaggia.

Il canottaggio costiero nasce in Francia sul finire degli anni Ottanta da un’idea del navigatore oceanico Gerard D’Aboville poi sviluppata da una commissione tecnica di cui facevano parte il monegasco Jannot Antognelli ed il marsigliese Denis Masseglia, membro della Federazione Internazionale di Canottaggio (FISA) dal 1992.

L’idea di partenza era sostituire le yole in legno, ovvero le barche a remi di forma sottile tipiche del canottaggio, con natanti capaci di reggere un mare formato con onde e vento. Nascono così le Yole de mer ad uno, due e quattro vogatori con timoniere, la cui diffusione coinvolge prima la costa meridionale della Francia e subito dopo la costa Atlantica e le colonie francesi d’oltreoceano.

L’Italia scopre il canottaggio costiero nel 1996 grazie all’Associazione CIPS di Imperia e al sanremese Piercarlo Roggero, capace di risalire tutta la costiera atlantica, ma è l’atleta sanremese Renato Alberti che incoraggia e promuove la partecipazione di equipaggi italiani alle regate in Costa Azzurra.

Sarà la FICSF (Federazione Italiana Canottaggio Sedile Fisso) a organizzare la prima regata internazionale in Italia, a Noli nel Ponente ligure, a cui si aggiunge, nel 2006, la prima edizione dei Campionati Italiani di Coastal Rowing, curata da Canottieri Sanremo, abbinati a una regata internazionale aperta a tutti gli equipaggi stranieri. L’evento sarà ripetuto anche nel 2007 e nel 2008.

Inoltre, nel 2008, la Liguria ha ospitato la seconda edizione dei Campionati Mondiali di Coastal Rowing: in gara 485 atleti, 171 equipaggi e 110 società in rappresentanza di 16 nazioni (Croazia, Cipro, Danimarca, Francia, Germania, Gran Bretagna, Ungheria, Irlanda, Italia, Principato di Monaco, Nuova Zelanda, Polonia, Spagna, Svezia, Svizzera e Stati Uniti).

Coastal Rowing Academy: il canottaggio costiero conquista il Forte Village 

Il Forte Village, pluripremiato resort circondato dallo splendido mare di Sardegna, apre le porte della sua Coastal Rowing Academy ai vogatori esperti e a tutti coloro che cercano un’attività sportiva a pieno contatto con la natura.

La Coastal Rowing Academy del Forte Village, aperta anche ai ragazzi a partire dai 14 anni, mette a disposizione le barche a remi più esclusive di sempre e propone sessioni indoor, per apprendere la tecnica di base e controllare i propri progressi, ma soprattutto tanta pratica in acqua con istruttori esperti e leggende dello sport.

La pratica sportiva è uno dei punti di forza del resort che offre ad adulti e bambini la possibilità di confrontarsi con la professionalità, l’entusiasmo e l’esperienza dei grandi campioni internazionali all’interno delle numerose Academy sportive del Forte Village.

Nelle Accademie sportive si può partecipare a sessioni di allenamento personalizzate, ricevere consigli utili a migliorare la tecnica negli sport di squadra e individuali, avere la possibilità straordinaria di giocare sotto gli occhi di grandi professionisti e conoscere nuove discipline mai provate prima.

Al Forte Village c’è spazio per ogni tipo di sport: dal calcio al freestyle football, dal basket alla boxe, dalla scherma al nuoto, passando per gli scacchi, il tennis, il gioco del golf e molto altro ancora.

Vuoi metterti alla prova con il Coastal Rowing e vivere una vacanza da sogno in un vero paradiso? Scopri il Forte Village Resort in Sardegna.

You May Also Like

forte village

Netball: uno sport di squadra simile al basket 

Padel: quali sono i benefici e dove giocare in Sardegna

Rugby: le origini di uno sport che ha conquistato il mondo

Teqball: il nuovo sport che arriva dall’Ungheria 

Questo sito utilizza Cookies per migliorare l'esperienza. Continuando la navigazione o scorrendo la pagina accetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi