Torrone sardo: storia e origini di un dolce della tradizione

Torrone sardo: storia e origini di un dolce della tradizione

Torrone sardo, tutta la dolcezza di un dolce prestato alle Feste

Dalle origini antiche e dal sapore che non si dimentica, il torrone, simbolo di festa, è uno dei dolci più apprezzati

Ci sono piatti e dolci che entrano ben presto nell’immaginario popolare e si ritagliano un ruolo di primo piano sulle tavole della tradizione: è il caso anche del torrone artigianale sardo, divenuto ben presto una vera e propria icona delle festività più amate.

Le sue origini si perdono nella notte dei tempi e sono contese tra svariate località italiane ed europee per una storia ancora tutta da scrivere: quel che è certo è che, in Sardegna, la presenza del torrone mandorlato viene sancita, per la prima volta, in un documento del 1614, conservato presso l’Archivio di Stato di Cagliari.

Si tratta di un contratto che attesta la fornitura di torroni neri e bianchi tra due abitanti di Villanova, uno dei quartieri storici della città: quel che incuriosisce è la lingua, il catalano.

In effetti, numerose testimonianze storiche indicano la forte influenza della penisola iberica sulla Sardegna, come emerge anche dai complessi architettonici di Alghero.

Il termine torrone deriverebbe dal turron de Alicante, a sua volta diffuso al tempo della presenza araba nella penisola iberica: ed è proprio da lì che provengono le mandorle utilizzate per preparare il dolce che, in poco tempo, ha conquistato le zone di Mamoiada, Tonara, Sanluri, Pattada, Barbagia e Aritzo.

Tonara, il borgo legato al torrone sardo

In particolare, sull’isola esiste un borgo, Tonara, profondamente legato alla produzione del torrone.

Nel cuore della Barbagia, a quasi mille metri di altezza in provincia di Nuoro, ecco il borgo fiabesco, dalle origini antichissime, lontano dalla frenesia delle città e immerso in un paesaggio idilliaco disegnato da boschi, montagne e cascate.

Le prime testimonianze del suo torrone artigianale arrivano nell’Ottocento quando le abili mani degli artigiani lo lavoravano tra marzo e settembre.

Innanzitutto, provvedevano a riscaldare il miele in su cheddargiu, recipiente in rame, collocato su un fornello a mattoni, sa forredda.

Per garantire una combustione lenta e senza fumo, il fornello veniva alimentato con legna di agrifoglio: il miele si lasciava cuocere per circa quattro ore mescolando con molta pazienza, senza fermarsi.

Una volta pronto, si aggiungevano le mandorle sbucciate e tostate: il composto era infine posto in contenitori di legno foderati con ostie e carta oleata.

Non rimaneva che attendere il raffreddamento per tagliarlo e, finalmente, assaporarne tutta la bontà.

Dal 1979, il Lunedì di Pasqua, Tonara ospita la “Sagra del Torrone Sardo”, atteso evento che richiama visitatori da ogni angolo della Sardegna.

Come nasce il torrone di Sardegna, delizia da assaggiare

Gli ingredienti chiave del torrone sardo sono il miele e le mandorle: oggi la ricetta prevede anche l’aggiunta dell’albume d’uovo ma un tempo la delizia nasceva dalla cottura lenta del miele locale e dalle mandorle.

Nuovi ingredienti oppure varianti hanno visto la luce nel corso degli anni.

Tuttavia, l’elemento che contraddistingue il torrone di Sardegna dagli altri torroni italiani è l’assenza dello zucchero.

La pellicola che protegge il torrone, l’ostia, si prepara invece con amido di mais, acqua e olio vegetale.

Una vacanza in Sardegna può allora essere un’occasione perfetta, tra le altre innumerevoli esperienze da vivere, per scoprire e gustare l’autentico sapore del torrone dell’isola, un modo per avvicinarsi al territorio anche grazie alle sue tradizioni culinarie.

Proprio per questo, il Forte Village Resort di Santa Margherita di Pula in provincia di Cagliari, pluripremiato resort dal lusso accessibile nella paradisiaca cornice di una candida spiaggia assolata e accarezzata dal mare turchese, propone ai suoi ospiti un’ampia e selezionata rosa di ristoranti gourmet in grado di soddisfare tutti i palati. 

I migliori chef italiani e internazionali utilizzano soltanto materie prime di assoluta qualità per donare sorprendenti “experience sensoriali” a ogni boccone, in un perfetto equilibrio tra tradizione, innovazione e sperimentazione.

Vuoi gustare il sapore indimenticabile del torrone sardo e vivere una vacanza da favola in un autentico paradiso? Scopri il Forte Village Resort in Sardegna

You May Also Like

Carnevale in tavola: i dolci simbolo della tradizione sarda

Carnevale in tavola: i dolci simbolo della tradizione sarda

La tavola di Natale in Sardegna: le ricette della tradizione e i prodotti tipici

La tavola di Natale in Sardegna: le ricette della tradizione e i prodotti tipici

Dall'orto alla tavola: 10 consigli per un'alimentazione sostenibile

Dall’orto alla tavola: 10 consigli per un’alimentazione sostenibile

Non solo vino: bevande analcoliche, distillati e liquori della Sardegna

Non solo vino: bevande analcoliche, distillati e liquori della Sardegna

Questo sito utilizza Cookies per migliorare l'esperienza. Continuando la navigazione o scorrendo la pagina accetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi