Parco archeologico di Pranu Muttedu: la Stonehenge del Mediterraneo

Parco archeologico di Pranu Muttedu: la Stonehenge del Mediterraneo

Parco archeologico di Pranu Muttedu: un simbolo della Sardegna preistorica

Il Parco archeologico di Pranu Muttedu sorge nelle campagne del Gerrei, regione della Sardegna sud-orientale, ed è una delle più importanti aree funerarie dall’isola.

Il Parco archeologico di Pranu Muttedu, poco distante dal piccolo e pittoresco centro abitato di Goni, a circa trenta minuti di distanza da Cagliari, è uno dei siti prenuragici più suggestivi della Sardegna e sorge su un’area ricoperta da querce secolari e immersa nei profumi delle essenze tipiche della macchia mediterranea. 

L’area del parco ha un’estensione di circa 200.00 metri quadrati e ospita sessanta menhir, variamente distribuiti in coppie, allineamenti o gruppi, realizzati con l’arenaria locale e di tipo “protoantropomorfo”, a forma ogivale o subogivale e superficie anteriore piana, che rendono il complesso secondo per importanza solo a Biru ‘e Conca, nel comune di Sorgono, dove si contano 200 megaliti. 

Gli scavi effettuati all’inizio degli anni Ottanta ad opera di Enrico Atzeni, archeologo e docente di paleontologia dell’Università degli Studi di Cagliari, hanno portato alla luce numerosi manufatti di diverse tipologie fattura risalenti al Neolitico recente (32000-2800 a.C.) e riconducibili alla cultura di Ozieri, mentre le numerose domus de janas, insieme ai menhir, fanno pensare ad un utilizzo del sito in funzione di riti sepolcrali e religiosi, collegati al culto degli antenati.

Soprannominato la “Stonehenge sarda”, nonostante sia considerato più antico del sito inglese, il vasto complesso monumentale prenuragico è diviso in più agglomerati: a Nord, in località Su Crancu, sorge l’agglomerato di capanne di riferimento della necropoli, mentre a Sud del villaggio si trovano i sepolcreti di Pranu Muttedu e di Nuraxeddu, eccezionalmente circondati da folti gruppi di menhi – in coppie, in allineamento o presenti all’interno delle stesse tombe – e da costruzioni rotonde di probabile carattere sacrale.

Se ci si sposta ancora verso Sud, sul roccione di Genna Accas, si nota l’omonima necropoli a domus de janas con tre circoli tombali a cui si aggiungono altre strutture particolarmente interessanti come i resti del dolmen ad allée couvert di Baccoi. In genere, i sepolcri sono costituiti da due-tre anelli concentrici di pietre che occasionalmente presentano un paramento gradonato per il sostegno del tumulo, mentre la camera funeraria, alla quale è possibile accedere tramite un corridoio formato da lastroni ortostatici, coperti a piattabanda, è costruita in tecnica sub-ciclopica.

Le celle interne hanno forme diverse, circolari o allungate, in base alle sepolture ospitate e non mancano le ciste monosome dove il defunto veniva introdotto attraverso un portello di forma quadrangolare e deposto rannicchiato. Inoltre, le coperture delle celle erano tabulari o pseudovolta a mensole aggettanti.

La maestosa tomba II è una delle più importanti, con ingresso, anticella e cella funeraria scavati in due diversi blocchi rocciosi appoggiati su una massicciata. Inoltre, nella fine lavorazione della pietra e nel disegno architettonico e planimetrico c’è un richiamo alle sepolture domus de janas. Gli scavi effettuati presso la tomba II hanno riportato alla lucele vestigia dell’antica civiltà Ozieri (Neolitico finale, 3200-2800 a.C.) con attardamenti risalenti al primo Calcolitico (2800-2600 a.C.): vasetti miniaturistici, un pomo sferoide, punte di freccia in ossidiana, uno stiletto e un pugnaletto in selce, un piattello fittile, un’accettina in pietra bianca ed elementi di collana in argento.

Nel territorio di Goni, oltre al Parco archeologico di Pranu Muttedu, è presente un’altra testimonianza della Sardegna preistorica, ovvero il nuraghe Goni, un edificio, monotorre circolare di circa 10 metri di diametro e 8 di altezza che domina dall’alto le verdi valli del Gerrei e il lago Mulargia. Si tratta di uno dei monotorre meglio conservati dell’isola, la cui struttura è realizzata in blocchi di calcare sbozzati e disposti in filari regolari che arrivano fino a tre metri e mezza d’altezza e lasciano poi spazio a lunghe e strette lastre. 

Il Parco archeologico di Pranu Muttedu non è certo l’unico gioiello del vasto patrimonio archeologico sardo che merita una visita: ci sono altri luoghi imperdibili che custodiscono storie, leggende e misteri della Sardegna antica come, ad esempio, la celebre  Nora e il Parco archeologico di Pula.

Come raggiungere il Parco archeologico di Pranu Muttedu?

Il Parco archeologico di Pranu Muttedu è facilmente raggiungibile da Cagliari percorrendo la S.S. 131 Carlo Felice. Al km 21,900 bisogna svoltare a destra e imboccare la S.S. 128 in direzione Senorbì. Raggiunto Senorbì si esce dal centro abitato in direzione Arixi-S. Basilio. 

A questo punto si attraversa prima l’abitato di Arixi e poi quello di S. Basilio per poi uscire dal paese e dopo circa 7 km incontrare il bivio per Goni – Silius e svoltare a sinistra per Goni. A circa 5 km dal bivio, prima di arrivare all’abitato di Goni, sulla sinistra si trova il parco archeologico di Pranu Muttedu.

È possibile visitare i monumenti con orario continuato dalle ore 8:30 alle ore 18:00 nel periodo invernale e dalle ore 8:30 alle 20:00 nel periodo estivo. Il servizio di visita guidata è gratuito e fruibile in diverse lingue: tedesco, inglese e francese. In più all’interno del parco è disponibile un’area attrezzata per i pic-nic e un punto di ristoro nell’area di sosta, dove si possono acquistare souvenir in sughero, ceramica o pietra lavorata, tipici della cultura sarda e realizzati interamente a mano.

I biglietti hanno un costo di 5,00 € per gli adulti, 4,00 € per gruppi di oltre 20 persone e 3,00 € per studenti. La biglietteria è aperta sino a un’ora prima del tramonto e per maggiori informazioni è possibile inviare una email al sito pranumuttedu@tiscali.it, telefonare al numero 380-2662006 oppure visitare il sito web  www.pranumuttedu.com.

Vuoi visitare il Parco archeologico di Pranu Muttedu e vivere una vacanza da sogno in un vero paradiso? Scopri il Forte Village Resort in Sardegna

You May Also Like

Sardegna Blue Zone: il paradiso della longevità tra mistero, bellezza, profumi e sapori

Sardegna Blue Zone: il paradiso della longevità tra mistero, bellezza, profumi e sapori

Voti e miracoli di Sant'Efisio: come nasce la festa della Sardegna

Voti e miracoli di Sant’Efisio: come nasce la festa della Sardegna

Pasqua 2024 al Forte Village: perché scegliere il sud dell’Isola

Pasqua 2024 al Forte Village: perché scegliere il sud dell’Isola

Che cos’è l’architettura sostenibile? Caratteristiche degli edifici green

Che cos’è l’architettura sostenibile? Caratteristiche degli edifici green

Questo sito utilizza Cookies per migliorare l'esperienza. Continuando la navigazione o scorrendo la pagina accetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi